Youtube Channel
scrivimi: fraranux@gmail.com
chiamami: 345 04.22.\pi

lunedì 26 dicembre 2016

Piccola fresa a controllo numerico CNC Roland Modela MDX 20


Ecco.
Volevo una fresa a controllo, mi serviva per cominciare a capire il mondo del 3D, ma quella parte di mondo che va al di là delle stamapanti treddì che lavorano con una tecnica detta "additiva", ovvero aggiungengdo materiale, dove questo materiale sia ABS o PLA entramvi materiali troppo deboli per i miei scopi. Io voglio modellare il legno, il metallo e se un giorno dovesse essere necessario i sassi.
Quindi mi metto in cerca di una fresa, chiedo un pochino in giro e risponde all'appello l'unico dei miei amici che ci capisce qualcosa; Matteo.
Vado a trovarlo a The FabLab e mi recupero 9iin prestito questa piccola fresa giocattolo, una Roland mdx 20, taglia circa 20x30x6, poca roba ma almeno mi serve a capire come funziona e quali siano le potenzialità di una fresa con soli tre assi.
Grande fatica per connetterla al pc, serve un adattatore per la sua porta seriale, scopro con l'aiuto del Gavez che un adattatore qualunque Seriale/Usb non funziona, ci vuole un tipo particolare di adattatore FTDI, lo stesso che usa Arduino per intenderci. 
Disinstallo quindi Arduino, tutti i driver e collego l'adattatore, sì perché ci vogliono i driver proprietari di Roland da installare, ci perdo dietro qualche ora e mollo il colpo. 
Non c'è verso. Alla fine recupero un vecchio portaile, mezzo scassato, ma con almeno la seriale funzionante. Installo tutto il software Roland, driver compresi, collego il cavo ed ecco fatto; funziona tutto al primo colpo.
Traffico un pochino e poi comincio ad occuparmi dell'hardware, manca un mandrino e alla macchina serve un pochino di pulizia e manutenzione.
Dopo varie prove e tentativi decido per una scelta drastica; smonto il suo motore per la parte del taglio e lo sostituisco con una torretta fatta a posta, da me a mano, per alloggiare il Dremel ed ecco che cambia tutto: utensili in widia a 30.000 giri, ergo posso tagliare tutto.
Con questa piccola fresa posso sicuramente crearmi in casa, in pochi minuti, complicati pcb; posso intagliare scritte su qualunque oggetto di qualsiasi materiale, sagomare fogli di materiale plastico e legno compensato... insomma, devo solo capire bene il disegno 3D perché vorrei proseguire col creare qualche oggetto meccanico ricavato dal pieno (avete presente con la moto che razza di divertimento?!?) 

ficco qualche foto qui sotto, poi implemento il post

Versione attuale, in soggiorno perché porca puttana non ho più un laboratorio mio dove lavorare (in attesa della costruzione del nuovo spazio).


Qualche esperimento fotografato qui sotto








Moschettone porta chiavi più coltello: kit di sopravvivenza da ufficio


Amore e odio da parte mia per i mazzi di chiavi, odio perderle, odio averle con me e odio utilizzarle. Forse amo di più le serrature, mi piace aprirle ma senza chiavi - per l'appunto - va beh, ecco un paio di vecchi filmati:




Insomma decido tempo fa di farmi un mazzo di chiavi multipurpose, fondamentali le chiavi del mio laboratorio, le chiavi del cesso, la chiavetta dei distributori automatici e naturalmente una bella lama affilata da usare come cutter. Ho trovato ad un mercatino un moschettone con degli utensili di materiale pessimo, ma il moschettone era in un bel alluminio, così lo compro a 5 euro e me lo porto in laboratorio dove rimarrà a pirlare per qualche giorno, Poi ho trovato un vecchio serramanico il cui coltello era in discrete condizioni, così ho modificato la forma della base delle chiavi e del coltello, ho praticato un paio di fori per i perni e dopo aver alloggiato gli "utensili" li ho punzonati con due bei chioidi di ferro martellati. In fine non restava che modellare la sagoma del moschettone per far chiudere a misura tutti i vari dispositivi. La chiavetta dei distributori è stata aggiunta alla fine, avvitata, ancora deve meritarsi una sistemazione definitiva.




La scritta " FRARANUX.IT" sul fianco vi starete chiedendo vero? Beh quella l'ho fresata poco fa con una piccola fresa cnc Roland, ma questa è un'altra storia... ;)

Adesso mi metto dietro a rifilare per bene la lama, poi posto altre due foto.


giovedì 22 settembre 2016

BanjWok - Ovvero: come costruire un Banjo in casa utilizzando una pentola Wok e qualche altro prodotto casalingo.




Niente, è così che va la vita, una sera torni a casa dal lavoro e ti fai un banjo.
La wok che volevo adoperare era in lavastoviglie, allora ho preso un'altra padella, bella neh, col fondo antiaderente così suona più squillante.
Poi ho preso un sacco dell'immondizia di quelli condominiali, quelli grossi neri insomma, un paio di matite, del filo da pesca e sì, per accordare ho barato: ho unsato una meccanica di chitarra classica.

in questo scatto si vede tutto il materiale, il manico della padella era un po' corto allora ho preso un listello di legno per prolungarlo, per fissare tutto ho scelto il nastro carta adesivo, ché poi la padella vorrei continuare ad usarela per cucinare...
Il fondo nastrato


Il "Piano armonico"

Il prolunghino del manico

Il ponte è ricavato da una matita alla quale ho praticato tre piccole incisioni



Poi ho creato la cordiera utilizzando un'altra matita, anche qui due piccole incisioni per far passare il cavo che ho affrancato al manico stesso, passando però dal fondo della padella.





giovedì 15 settembre 2016